Pare che il caffè abbia un effetto antidolorifico sul nostro organismo, infatti secondo uno studio condotto dall’Università di Oslo, possiamo bere il caffè come antidolorifico naturale.

I ricercatori svedesi hanno constato che chi beve un caffè prima di andare a lavoro subisce danni minori dalla posizione che si tiene davanti al computer per molte ore. Durante lo studio il caffè come antidolorifico ha agito positivamente sui soggetti che dopo aver digitato per 90 minuti consecutivi sulla tastiera, sentivano sentire ridurre i dolori articolari a braccia, collo e spalle.

Perché il caffè è un antidolorifico?

Il merito è della caffeina, infatti non dobbiamo dimenticare che questa preziosa sostanza è contenuta in diversi farmaci analgesici come il paracetamolo e  l’aspirina, poiché è scientificamente provato che l’aggiunta di caffeina renda molto più efficaci tali farmaci.

Anche bere un caffè subito dopo l’assunzione di un farmaco antinfiammatorio velocizza l’effetto desiderato.

Quanto caffè bere contro i dolori?

Per aver avere un effetto antidolorifici naturale non è necessario bere eccessivamente caffè, ne basta poco. Ad esempio, i soggetti analizzati durante lo studio bevevano solo una tazza di  caffè prima di andare a lavoro; 22 sono stati i soggetti doloranti reclutati, che lamentavano dolori cronici a spalle e collo, mentre quelli sani erano 26.

Tra tutti questi soggetti solo 19 hanno assunto caffè come antidolorifico e questi,  al termine del test , avevano meno dolori rispetto a chi invece non aveva assunto caffeina.

I dati relativi ai livelli di dolore venivano registrati ogni quindici minuti attraverso una scala analogica e visiva.
Muscoli, tendini ed  articolazioni, che vengono messi a dura prova durante un certo tipo di lavoro, trovano giovamento in seguito all’assunzione giornaliera e moderata di caffè.

Ovviamente anche l’attività fisica e una vita sana sono importanti per una buona salute di muscoli ed articolazioni.

 

... e tu cosa bevi?

Top