In alcuni paesi del mondo il tè viene consumato più del caffè, sia nella sua forma più classica, che nelle più svariate varietà. A volte la scelta del tè viene fatta anche in base alle proprietà e i benefici che ogni tipologia presenta.
Di varietà di tè ce ne sono davvero tante, ma tutte si possono raggruppare sostanzialmente in 6 macro categorie: tè bianco, tè nero, tè verde, tè giallo, thè oolong, tè post-fermentato (o Pu’er).
Ogni tipologia di tè nasce dalla stessa pianta, la Camellia sinensis, coltivata in diversi paesi del mondo e sottoposta a differenti processi di lavorazione che creano poi le varietà copracitate.
Andiamo dunque a conoscere meglio le più note varietà di tè approfondendo quelle che sono le proprietà e i benefici di ognuna.

Tutte le tipologie di tè più diffuse e le loro proprietà

Tè bianco

Il tè bianco viene prodotto principalmente in Cina grazie alla lavorazione dei germogli e delle prime foglie della Camellia Sinesis. La caratteristica della lavorazione del tè bianco è che le foglie prima di essere trattate vengono lasciate essiccare al sole in modo da prevenirne l’ossidazione.
Perché si chiama tè bianco? Perché i germogli ancora chiusi sono ricoperti da una lieve peluria che conferisce un effetto biancastro, tuttavia la bevanda è gialla.

Come si prepara il tè bianco

Il tè bianco è molto pregiato nonché raro. Per assaporarlo al meglio i veri intenditori lo preparano con acqua a bassa temperatura e lo bevono al naturale, senza nessuna aggiunta.

Benefici del tè bianco

Il tè bianco è un potente antinfiammatorio e antiossidante. Aiuta contro le malattie legate all’invecchiamento, riduce il colesterolo cattivo e combatte i batteri della bocca prevenendo le carie.
funziona come energizzante naturale e aiuta ad accelerare il metabolismo.

Tè verde

Il tè verde è la seconda varietà più diffusa al mondo. I principali produttori di tè verde sono la Cina, il Giappone e l’India. La caratteristica principale del tè verde è che durante la lavorazione le foglie non devono assolutamente subire alcun tipo di ossidazione. Essendo non fermentato, il tè verde presenta per l’appunto foglie verdi che vengono disposte su superfici di bambù, esposte al sole per qualche ora e poi bollite a 100° per 30 secondi. Per finire le foglie vengono asciugate in più fasi.

Come si prepara il tè verde

Ogni varietà di tè verde richiede una preparazione specifica. Ad ogni modo ci sono delle regole di base da seguire per ogni tè verde. La temperatura dell’acqua è fondamentale nella preparazione e non deve raggiungere i 100° per non cuocere le foglie. L’ideale è portare l’acqua ad una temperature di ebollizione farla raffreddare per circa un minuto e versarla sulle foglie di tè cercando di colpire prima la parete della tazza. L’infusione non deve durare più di 3 minuti.

Benefici del tè verde

Il tè verde è ricco di benefici per la salute che sono stati anche dimostrati scientificamente. Secondo diversi studi chi beve regolarmente tè verde hanno meno probabilità di contratte malattie cardiovascolari e tumori.
Il tè verde viene spesso utilizzato per perdere peso e in effetti diversi studi hanno dimostrato che un consumo regolare (almeno una tazza la giorno) stimola il metabolismo, promuove l'ossidazione dei grassi. A tal proposito addirittura si consiglia di non consumarne troppo poiché può provocare un eccessiva perdita di peso e influire sul funzionamento della tiroide.
Ma non finisce qui perché il tè verde aiuta a prevenire malattie infiammatorie, ha effetto neuroprotettivo, e aiuta a prevenire malattie dell’apparato digerente.

SCOPRI IL TE’ VERDE CAFFE’ BORBONE

Tè nero

Il tè nero deriva da un processo di lavorazione differente delle foglie di Camellia Sinesis. Le foglie vengono raccolte e fatte macerare ed essiccate prima di essere arrotolate. Dopo quest’ultimo passaggio le foglie vengono nuovamente macerate ed essiccate e infine fermentate ed essiccate nuovamente. Il tè nero è la varietà che contiene la più alta percentuale di caffeina. Viene spesso utilizzato come base per altre tipologie di tè aromatizzate.

Come si prepara il tè nero

Non ci sono particolari regole per la preparazione del tè nero, basta portare a ebollizione l’acqua e lasciare in infusione per un massimo di 3 minuti. Il tè nero può essere consumato al naturale, dolcificato o con l’aggiunta di latte o limone.

Benefici del tè nero

Il tè nero è ricco di antiossidanti di conseguenza previene l’invecchiamento delle cellule. Aiuta a mantenere in salute il sistema cardiovascolare ed è un rimedio contro la diarrea se accompagnato dal limone. E’ un potente stimolante per la mente e si dice abbia anche proprietà antitumorali.

Tè giallo

Il tè giallo non è altro che una varietà di tè verde prodotta in Cina, che però è stata sottoposta a una parziale ossidazione enzimatica. Proprio per questo il nome “tè giallo” viene utilizzato anche per indicare le varietà più pregiate di tè verde.

Come si prepara il tè giallo

La preparazione del tè giallo segue le stesse regole che abbiamo sopracitato per il tè verde.

Benefici del tè giallo

Nel tè giallo c’è solo una piccola percentuale di caffeina. Nonostante ciò è un ottimo stimolante per la mente, favorisce il colesterolo buono e aiuta a prevenire le malattie cardiovascolari.

Tè Oolong

Il tè oolong è una varietà a metà tra il tè verde e il tè nero. In base al tipo di fermentazione il colorito delle foglie varia dal verde al rosso/bruno. E’ chiamato anche tè blu o tè qing ed è prodotto principalmente in Cina e Taiwan.

Preparazione del tè oolong

Il tè oolong non richiede una particolare preparazione e di solito viene consumato al naturale.

Benefici del tè oolong

I benefici del consumo di tè oolong sono pressappoco gli stessi degli altri tè: antiossidante, stimolante, ottimo da associare a una dieta dimagrante e per rinforzare il sistema immunitario.

Tè Pu’er o post-fermentato

E’ uno dei tè meno conosciuti il cui nome deriva dalla provincia di coltivazione delle sue foglie. La caratteristica di questo tè è la lavorazione che prevede una fase di fermentazione a opera di batteri nonché una di invecchiamento.

Preparazione del tè Pu’er

La temperatura ottimale dell’acqua per preparare il tè post-fermentato è di 95° che si ottengono dopo 20 secondi di attesa dopo l’ebollizione. L’infusione deve durare intorno ai 3-4 minuti.

Benefici del tè Pu’er

Questo tè grazie stimola il sistema nervoso centrale, è un potente brucia grassi, aiuta a tenere sotto controllo il colesterolo, e contribuisce ad un benessere generale dell’organismo.

SCOPRI IL TE’ CAFFE’ BORBONE

... e tu cosa bevi?

Top