Sapevate che il cappuccino è una bevanda di origine italiana? Proprio così, oltre ad essere stata inventata qui nel Bel Paese, l’Italia è anche la maggiore consumatrice di cappuccino al mondo.
Gli italiani al mattino si dividono tra quelli che fanno colazione con il caffè e quelli che fanno colazione con il cappuccino, e addirittura molti per darsi la carica non rinunciano a nessuna delle due bevande!
Ma qual è la storia del cappuccino? Perché si chiama così?
La storia della nascita del cappuccino non è proprio chiara. Ci sono alcune ipotesi a riguardo, leggende o presunte storie vere che vi girano intorno, e noi le abbiamo raccolte per voi!

Storia del cappuccino

Perché si chiama cappuccino?

Si dice che il nome derivi dai frati cappuccini per la somiglianza (nel colore) al loro abito oppure perché è a uno di loro che ne è stata attribuita l’invenzione.
Secondo la leggenda infatti Marco da Aviano, frate dell’ordine dei cappuccini, fu inviato nel 1683 a Vienna dal Papa e durante il soggiorno nella città austriaca si recò dentro una caffetteria dell’epoca dove chiese qualcosa per addolcire il caffè dal sapore intenso che gli era stato servito. Fu così che il cameriere vedendo il frate bere una strana bevanda fatta di caffè e latte esclamò “Kapuziner!”.

Ovviamente la bevanda dell’epoca era ben diversa dal cappuccino come lo intendiamo noi in quanto il caffè veniva preparato con il metodo alla turca e il latte non era montato.

Un’altra versione sulla nascita del cappuccino vuole che questo sia nato da una bevanda viennese attestata dalla fine del XVIII secolo fatta di caffè, panna montata e spezie, adattata poi nei territori di Trieste.

Qualsiasi delle due (o altre) versioni sia quella reale, Vienna è sempre presente, quindi è giusto dire che il cappuccino sia una bevanda italiana?
 

Curiosità sul cappuccino

Dopo le 11 del mattino no!

“Gli italiani bevono cappuccino fino alle 11 del mattino” chiamiamola leggenda, chiamiamola diceria eppure non è del tutto sbagliata! Sappiamo bene che differenza di altri paesi del mondo, il cappuccino per noi italiani è una bevanda che viene consumata quasi esclusivamente al mattino, sebbene anche in un pomeriggio invernale ma non è!

Questione di proporzioni

Per ottenere un perfetto cappuccino è indispensabile utilizzare i giusti quantitativi: 125ml di latte e 25ml di caffè, e naturalmente un schiuma densa e abbondante.

Quando il cappuccino diventa arte

Sapevate che esistono dei corsi di cappuccino decorato? Noto anche come “cappuccino art” o “latte art” è una tecnica che consente di creare dei veri e propri disegni sul cappuccino sfruttando il bicolore dato dal latte e dal caffè! Cuori, fiori, foglie ma anche decorazioni tridimensionali realizzate con la schiuma montata ad arte!

... e tu cosa bevi?

Top